Sardegna
  > Extra
 

La sagra del pesce viene fatta di solito la prima settimana di luglio,ma non sarà affatto difficile trovare nelle vicinanze Feste del turista con panini,  salsiccia e vino locale

A ferragosto vengono eseguiti i fuochi d'artificio dalla torre,con un suggestivo panorama del mare e lo sfondo della Corsica.I fuochi sono molto  belli,ma personalmente l'organizzazione qualche volta mi ha deluso. Da non perdere la processione a mare, dal porto vengono messe a disposizione le barche ( quelle delle gite alle isole ) per l'evento

Il mercato settimanale avviene tutti i  giovedì mattina,e si trova nei parcheggi Bus, accanto alla Posta

La festa patronale avviene il 14 ottobre e dura 3 giorni per cui ci sono bancarelle e qualche intrattenimento.

Rena bianca va assolutamente visitata,ma consiglio di non fossilizzarsi su unica spiaggia visto la varietà di colori e luoghi suggestivi che la zona offre  Capotesta 2,8Km, S.reparata 2,8Km, La Marmorata 4 Km,Valle dell'Erica5-6Km, Isola dei gabbiani 10Km, Rena majore 10Km , e  consigliato se non d'obbligo un giro alle isole Spargi-Budelli tramite le barche che partono da porto.


Consiglierei anche una giornata di pescaturismo 





Zuppa gallurese

(Suppa cuatta)
La pietanza ‘nazionale’ dei Galluresi, quella che sentono più loro. Compare con numerose varianti in tutta la Gallura.
Ingredienti per 4 persone
350 grammi di pani a mela raffermo
300 g di carne di pecora
1 costa di sedano 1 carota 1 cipolla 1 pomodoro maturo 1 pomodoro secco 1 ciuffo di prezzemolo qualche foglia di alloro
180 g di formaggio tipo casgiu spiattatu, sale.

Vino consigliato: Rosso dei colli del Limbara.

Preparate un brodo saporito lessando la carne insieme alle verdure e sale quanto basta. Schiumate di tanto in tanto, e al termine filtrate. Tempo: 45 minuti Tagliate il pani a mela in fette di circa un centimetro di spessore e adagiatele sul fondo di una teglia di media altezza; inzuppatele bene di brodo caldo e ricopritele con fettine sottili di formaggio. Avrete in questo modo preparato un primo strato sul quale disporrete i successivi, preparandoli allo stesso modo. Continuate fino a esaurire gli ingredienti, rivestendo l’ultimo strato con fettine di formaggio un po’ più spesse. Tempo: 15 minuti Mettete in forno caldo e fate andare per mezz’ora circa. Capite che la zuppa è pronta quando il formaggio in superficie forma una crosticina dorata; il pane dovrà risultare ancora piuttosto umido, in nessun caso asciutto. Servitela tiepida, dopo averla lasciata insaporire. Tempo: 30 minuti Varianti Se non trovate il casgiu spiattatu usate il casizzolu. La preparazione tradizionale prevede brodo di sola pecora, ma si può preparare un brodo più leggero con un misto di pecora, manzo e maiale, o ancora gallina, manzo e un po’ di maiale. La versione di questo piatto in uso a Berchidda si chiama suppa elchiddesa. Prevede brodo di manzo e introduce la variante del sugo di pomodoro. Inoltre non viene cotta al forno. Consigli dello Chef Potete dar più gusto alla suppa abbinando al casgiu spiattatu fette sottili di pecorino stagionato. Curiosità La cottura tradizionale di questo piatto prevedeva il doppio fuoco: si disponevano quindi le braci sul coperchio, mentre sotto il tegame ardeva la fiamma viva.
Difficoltà: media
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 1 ora e 15 minuti

 
   
Prenotazione obbligatoria tramite contatto telefonico, mentre per e-mail possiamo darvi tutte le informazioni che avete bisogno. Cell: +39 3392278973 - Fax: +39 0623312534 - pinluciano@libero.it

 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=